La mostra

La mostra retrospettiva dedicata alla fotografa Vivian Maier ricostruisce il lavoro della grande e sconosciuta autrice, presentando 120 fotografie in bianco e nero realizzate tra gli anni Cinquanta e Sessanta insieme a una selezione di immagini a colori scattate negli anni Settanta, oltre ad alcuni filmati in super 8 che mostrano come Vivian Maier si avvicinasse ai suoi soggetti.
Vivian Maier. Una fotografa ritrovata presenta al pubblico l’enigma di un’artista che in vita realizzò un enorme numero di immagini senza mai mostrarle a nessuno e che ha tentato di conservare come il bene più prezioso.
Come scrive Marvin Heiferman “Seppur scattate decenni or sono, le fotografie di Vivian Maier hanno molto da dire sul nostro presente. E in maniera profonda e inaspettata… Maier si dedicò alla fotografia anima e corpo, la praticò con disciplina e usò questo linguaggio per dare struttura e senso alla propria vita conservando però gelosamente le immagini che realizzava senza parlarne, condividerle o utilizzarle per comunicare con il prossimo. Proprio come Maier, noi oggi non stiamo semplicemente esplorando il nostro rapporto col produrre immagini ma, attraverso la fotografia, definiamo noi stessi”.
La vicinanza con la mostra di Elliot Erwitt, allestita negli spazi del Sottoporticato di Palazzo Ducale, offre la possibilità di un interessantissimo confronto tra due sguardi sull’America: uno maschile, l’altro femminile.

 

La fotografa

La vita e l’opera di Vivian Maier (1926-2009) sono circondate da un alone di mistero che ha contribuito ad accrescerne il fascino. Tata di mestiere, fotografa per vocazione, non abbandonava mai la macchina fotografica, scattando compulsivamente con la sua Rolleiflex. È il 2007 quando John Maloof, all’epoca agente immobiliare, acquista durante un’asta parte dell’archivio della Maier confiscato per un mancato pagamento. Capisce subito di aver trovato un tesoro prezioso e da quel momento non smetterà di cercare materiale riguardante questa misteriosa fotografa, arrivando ad archiviare oltre 150.000 negativi e 3.000 stampe.
Figura imponente ma discreta, decisa e intransigente nei modi, Vivian Maier ritraeva le città dove aveva vissuto - New York e Chicago - con uno sguardo curioso, attratto da piccoli dettagli, dai particolari, dalle imperfezioni ma anche dai bambini, dagli anziani, dalla vita che le scorreva davanti agli occhi per strada, dalla città e i suoi abitanti in un momento di fervido cambiamento sociale e culturale. Immagini potenti, di una folgorante bellezza che rivelano una grande fotografa. Le sue fotografie non sono mai state esposte né pubblicate mentre lei era in vita, la maggior parte dei suoi rullini non sono stati sviluppati, Vivian Maier sembrava fotografare per se stessa.
Osservando il suo corpus fotografico spicca la presenza di numerosi autoritratti, quasi un possibile lascito nei confronti di un pubblico con cui non ha mai voluto o potuto avere a che fare. Il suo sguardo austero, riflesso nelle vetrine, nelle pozzanghere, la sua lunga ombra che incombe sul soggetto della fotografia diventano un tramite per avvicinarsi a questa misteriosa fotografa.

 

Informazioni

Vivian Maier - Una fotografa ritrovata

Periodo
23 giugno – 8 ottobre 2017

Sede
Genova, Loggia degli Abati di Palazzo Ducale

Orari
Da martedì a domenica 10 - 19
Lunedì chiuso. La biglietteria chiude un’ora prima

Info mostra
Tel. 199.15.11.21 (dall’estero 02 89096942)
mostre@civita.it
www.palazzoducale.genova.it

Biglietto di ingresso
€ 12,00 open
€ 10,00 intero
€ 8,00 ridotto (Touring Club Italiano, Arci, FeltrinelliCard, Abbonati Teatro Carlo Felice, Abbonati Teatro Stabile di Genova, Amici dei Musei e di Palazzo Ducale, Teatro della Tosse Card, Card dei Musei di Genova, Possessori del biglietto di ingresso ai Musei di Strada Nuova, Dipendenti IREN con accompagnatore, possessori cartoline sconto alberghi genovesi, abbonati annuali AMT, Soci Fondazione Ansaldo, Partecipanti Grandi Convegni muniti di badge nominativo, possessori biglietto mostra Modigliani, disabili, insegnanti, giovani dai 19 fino a 27 anni compiuti con documento e/o tesserino universitario, gruppi da 15 a 25 persone)
€ 3,00 ridotto speciale scuole e giovani fino a 18 anni
€ 5,00 ridotto speciale ogni venerdì per giovani dai 19 a 27 anni; ridotto tesserati CUS, tutti i pomeriggi feriali dalle 14.00
Gratuito minori di 6 anni, accompagnatori di persone disabili, giornalisti accreditati dall’ufficio stampa e guide turistiche, un accompagnatore per gruppo, due insegnanti accompagnatori per classe, membri ICOM

Ingresso alla mostra con la formula 2 x 1 (pagando un biglietto a tariffa intera) per possessori biglietto Frecce (Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca) (data viaggio al massimo 5 giorni antecedenti visita mostra) con destinazione Genova (ciascuno sconto sarà offerto una sola volta) e per i possessori di CartaFRECCIA;
Ingresso ridotto per abbonati regionali (Liguria) o possessori biglietto corsa semplice destinazione Genova, per i dipendenti Gruppo FS muniti di badge di riconoscimento.

Biglietto cumulativo con la mostra Elliott Erwitt KOLOR
(Sottoporticato di Palazzo Ducale, dall’11 febbraio al 3 settembre 2017)
€ 18,00 cumulativo open
€ 15,00 cumulativo intero
€ 12,00 cumulativo ridotto
€ 5,00 cumulativo speciale scuole e giovani fino a 18 anni

Diritto di prenotazione
€ 1,50 per i biglietti: intero, ridotto, gruppi
€ 1,00 per i biglietti: ridotto speciale scuole, minori di anni 18, tesserati CUS

Visite guidate
€ 100,00 gruppi
€ 80,00 scuole
€ 120,00 in lingua

Acquista il biglietto

 

Catalogo

Titolo: Vivian Maier. Fotografa

A cura di: John Maloof

Casa Editrice: Contrasto

Data di uscita: Aprile 2016

Lingua: Italiano

Numero di pagine: 108

Prezzo: € 24,90

Prenota

 

Ufficio Stampa

Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura

Camilla Talfani
ctalfani@palazzoducale.genova.it
T.+39 0108171612; M. +39 3357316687


Civita

Giulia Borroni
g.borroni@operalaboratori.com
T. + 39 0243353527

Barbara Izzo-Arianna Diana
b.izzo@operalaboratori.com - a.diana@operalaboratori.com
T. +39 06692050220-258


Contrasto/Fondazione Forma per la Fotografia

Valentina Notarberardino
vnotarberardino@contrasto.it
T. +39 06 32828237; M. + 39 366 6678862

Laura Bianconi
lbianconi@formafoto.it
T.+39 02 5811 8067; M. + 39 335 7854609


Scarica il comunicato stampa

Scarica le didascalie delle immagini

Per scaricare le immagini www.civita.it – sala stampa

Le informazioni contenute nel sito sono state predisposte esclusivamente al fine di soddisfare le esigenze di informazione dei visitatori del sito e della mostra "VIVIAN MAIER – una fotografa ritrovata", senza ulteriori scopi commerciali. Le immagini contenute nel sito sono protette dalla Legge sul Diritto d'autore. L'utilizzo delle immagini e dei testi in esso contenuti, è consentito esclusivamente per le mere attività di promozione, comunicazione e ufficio stampa esplicitamente collegate alla mostra "VIVIAN MAIER – una fotografa ritrovata " allestita a Genova presso la Loggia degli Abati di Palazzo Ducale (23 Giugno – 8 Ottobre 2017). L'utilizzo delle immagini e dei testi è subordinato al rispetto del divieto di manipolazione e/o alterazione degli stessi e dell'obbligo di citazione dell'autore, del titolo e della riserva di copyright

Una mostra

Partecipanti alla Fondazione Palazzo Ducale

Sponsor istituzionale della Fondazione Palazzo Ducale

Sponsor attività didattiche della Fondazione Palazzo Ducale

Un progetto

Organizzazione

Catalogo

Media sponsor

Sponsor tecnico


Copyright © 2017 Civita Mostre - Credits